Monteriggioni - Siena - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi a Monteriggioni
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: COSE DA VEDERE A MONTERIGGIONI

Foto Piazza Monteriggioni è un bellissimo nucleo fortificato al cui interno si trovano opere artistiche di rara bellezza.

La Porta Franca o Romea, orientata verso Siena, che in passato era dotata di una cancellata che veniva abbassata in caso di pericolo e la porta di S.Giovanni, orientata verso Firenze, che si apre nelle mura ed è difesa da una delle torri del perimetro fortificato.

Piazza Roma, il cuore del borgo in origine "a sterro" senza pavimentazione, è stata lastricata intorno al 1960. Adiacenti troviamo giardini e orti che permettevano la sopravvivenza della popolazione anche in caso di assedio.

Foto Torri Le mura e i suoi quattordici torrioni perfettamente conservati. Vengono organizzate visite guidate sui camminamenti medievali.

La chiesa di Santa Maria Assunta, in stile romanico e gotico, costruita nel 1219 è composta da una bellissima facciata policroma in travertino e pietra serena, da un portale con decorazioni in laterizio e da un campanile risalente al XVIII secolo. All'interno si possono ammirare due tabernacoli del XV secolo, la Madonna di Lippo Vanni, un crocifisso ligneo e la campana donata dalla Repubblica di Siena nel 1298.

Museo d'Arte Sacra del Seminario regionale di Pio XII di Montearioso, dove possiamo trovare opere sacre (XIII XVIII sec.) come la Madonna del Latte di Ambrogio Lorenzetti


.: DINTORINI

Nelle vicinanze del Montemaggio sarà possibile ammirare il paesaggio fatto di torrenti e ruscelli.

Foto Abbadia Isola

Abbadia Isola, uno dei borghi più belli di tutto il senese. Qui possiamo trovare un'abbazia potentissima con la chiesa dei S.S. Salvatore e Cirino dove si possono ammirare opere di Sano di Pietro, di Taddeo di Bartolo e del Tamagni. In questo paese è inoltre possibile solcare un tratto della via Francigena, che i pellegrini seguivano nel medioevo.

Strove, un antichissimo borgo di poco posteriore al VI secolo, con una preziosa pieve a capanna. All'interno delle ex paludi del Canneto e nei pressi di Scrana si trova una necropoli etrusca, risalente al IV secolo AC.

Altri luoghi di notevole importanza sono il trecentesco Castello della Chiocciola e la villa di Santa Colomba che, a cavallo fra Quattrocento e Cinquecento, fu la residenza del signore di Siena Pandolfo Petrucci.